Radiofrequenza viso

La radiofrequenza è un trattamento medico estetico che sfrutta la capacità della corrente elettrica ad alta frequenza e bassa intensità di provocare calore a livello tissutale a livello dermico-ipodermico grazie all’azione di particolari manipoli per uso esterno. Il derma infatti è lo strato dell’epidermide dove hanno sede i fibroblasti, cellule deputate alla produzione di collagene ed elastina responsabili delle tonicità e della elasticità della cute che vengono quindi stimolate dal trattamento con radiofrequenza.

Innalzamento della temperatura a livello tissutale determina quindi incremento dell’ossigenazione tissutale, maggiore apporto di sostanze nutritive, drenaggio delle tossine e neoangiogenesi.

Tutto ciò comporta:

- miglioramento della texture cutanea
- regolarizzazione della secrezione sebacea
- azione detossificante e anti edemigena

Un trattamento di radiofrequenza determina quindi un effetto lifting immediato già visibile dalla prima seduta e un’azione a lungo termine sulla lassità cutanea e sulla luminosità. Il trattamento di radiofrequenza può essere effettuato a livello sia del viso che del corpo ed è davvero l’unico in grado di ottenere un innalzamento dei tessuti, costante nel tempo.
Nel viso riduce la lassità cutanea del viso e del collo, attenua le rughe, ridefinisce l’ovale del viso, regola la secrezione sebacea, detossifica il tessuto. A livello del corpo riduce la ptosi cutanea, ha azione drenante, stimola il microcircolo agendo quindi sulla causa della cellulite.
Il trattamento di radiofrequenza non presenta particolari controindicazioni se non quelle più comuni anche ad altri trattamenti di medicina estetica (gravidanza, allattamento, collagenopatie autoimmuni) e può essere abbinato con particolare successo, anche ad altre metodiche di medicina estetica. Inoltre può essere praticato senza problemi, anche nella stagione estiva.

La frequenza delle sedute è di una ogni circa 15/30 giorni con protocolli di almeno 15 sedute sia per viso che per il corpo.

Il dispositivo elettronico per emissione di radiofrequenza è caratterizzato da sistema unipolare e bipolare. Il trattamento con radiofrequenza permette di surriscaldare il sottocutaneo profondo, per un’azione terapeutica mirata. Dopo il trattamento si osserva, inoltre, un miglioramento del microcircolo e una corretta ripartizione del tessuto fibroso, con marcata diminuzione dei noduli antiestetici della cellulite ed un effetto biorivitalizzante completo

COME AGISCE IL SISTEMA

Il meccanismo d'azione della radiofrequenza si basa su un principio di fisica ben preciso, secondo il quale l'energia erogata dallo strumento si trasforma in calore. Questo meccanismo è dato dalla naturale resistenza (impedenza) dei tessuti cutanei al movimento di elettroni provocato da un campo di radiofrequenza, ed è proporzionale alla quantità di corrente erogata e al tempo di applicazione impiegato, nonché inversamente proporzionale all’impedenza. Quest’ultima aumenta nelle zone cutanee in cui è maggiore lo spessore del derma e del grasso sottocutaneo (es. addome, cosce, braccia).

La caratteristica principale dei nostri dispositivi è la presenza di sonde termiche di precisione che permettono di controllare l’innalzamento della temperatura del sottocutaneo profondo; si parla, quindi, di ipertermia controllata. Innalzando la temperatura del tessuto connettivo si attivano i fibroblasti a produrre nuovo collagene e nuova elastina, permettendo così di attenuare le rughe e i segni dell'invecchiamento donando alla pelle un effetto lifting del tutto naturale.

Il sistema provoca una forte sensazione di calore normalmente ben tollerata dai soggetti che si sottopongono al trattamento, dopo il quale è possibile riprendere le normali attività.

Attraverso un sofisticato sistema elettronico è possibile trasferire calore in profondità senza danneggiare l'epidermide ed il risultato ottenuto è una pelle più elastica e più giovane.

Tra tutte le tecniche di ringiovanimento che utilizzano il calore per attivare i fibroblasti, la radiofrequenza è attualmente il sistema più avanzato.

Condividi: